Wanted in Rome interviews Ignazio Marino

Rome's former mayor Ignazio Marino speaks to Wanted in Rome.

Marco Venturini

Wanted in Rome. Professor Marino, among the things achieved or not achieved during your tenure as mayor of Rome, what are you proud of and what do you regret?

Ignazio Marino. Rome has been dragging some things along since the liberation from the Nazi occupation on 4 June 1944. And ever since then it’s been covering its deficit in the easiest way: with state contributions, which just create debts for our children and grand-children. One of the first things I discovered in 2013 was anything but encouraging: the city of Rome hadn’t yet finished paying for some of the land used to build the Olympic Village for the 1960 games.

Between 1944 and 2008 we were looking at 64 years of investment in housing, infrastructure and architectural works, some useful, some incomplete, carried out by loading debt onto the shoulders of future generations. In this way Rome had collected a total of €22.5 billion of debt by 2008 at the end of the Rutelli and Veltroni administrations. And then, from 2008 to 2013, the council chaired by Gianni Alemanno opened the floodgates to spending, especially in the municipal companies where staff and management were recruited who were often of no use to the services provided.

This is why I decided in 2013 to ask the then prime minister Enrico Letta and economy minister Fabrizio Saccomanni for an inspection of the city accounts. The report described a legacy by the Alemanno administration of almost total financial ruin.

So while drawing up a recovery plan, I focussed on two priorities: slashing with no qualms all wasteful public resources, and getting certain and stable resources allotted for the functions befitting the capital of a G7 country. I managed to bring Rome’s balance sheet back into legality by 2014, and to have the council approve the spending forecast for 2015.

I decided to cut unacceptable waste and to reduce council spending €440 million by 2016. We slashed the cost of phones, electricity, water, security guards, cleaning, photocopier hire, insurance, fuel for vehicles, rent (over €100 million a year) that the city was paying to private businesses, stationery and so on. In the 28 months I was in office, we shut down the world’s largest landfill, built 21 new metro stations, put unproductive real estate and companies onto the market, financed the substitution of 192,000 bulbs for street lights, launched car sharing and the purchase of 150 new buses, but I regret that I never managed to complete the total repair of the city’s roads. Once the accounts were back in the black we were ready to invest several hundred million euros in repairing the potholes.

Ignazio Marino was mayor of Rome from 2013 to 2015.
Ignazio Marino was mayor of Rome from 2013 to 2015.

Wanted in Rome. Looking back, what do you think might have been your worst mistake?

Ignazio Marino. Not paying enough attention to the political parties and the media. I’m a surgeon specialised in liver transplants, and that’s the way I reasoned. I thought I’d see the results at the end of the day, just like in the operating theatre. I had five years to work with, but back-stabbing by the political parties to the left and right forced me out after just over two years.

Wanted in Rome. What did you like most about being mayor?

Ignazio Marino. Being able to improve people’s quality of life: starting to build a new primary school closer to the kids’ homes, finding a place to live for the homeless, recognising the rights of people denied them, and taking care of that extraordinary archaeological, artistic and cultural patrimony of the capital of Italy, Rome, with its almost 3,000 years of history.

Wanted in Rome. For many residents, both Italian and foreign, Rome today seems to be abandoned. Is that the fault of politics, or is governing Rome simply a Herculean task?

Ignazio Marino. It’s the fault of the people who think politics means exercising power as a noun, not as a verb. “Power”, instead of making things happen, change, improve. Rome could be a world-ranking capital with the best quality of life, but it needs an adequate ruling class – and by ruling class I mean politics, but also business.

Wanted in Rome. How do you appraise mayor Raggi? Do you think we have to give her more time?

Ignazio Marino. I can’t pass judgement on her. Six months after the election, she still hasn’t begun her work as mayor.

Transplant surgeon Marino has returned to his academic work following his tenure as Rome mayor. Transplant surgeon Marino has returned to his academic work following his tenure as Rome mayor.

Wanted in Rome. What can be done about the problem of the public-private businesses, starting with AMA and ATAC?

Ignazio Marino. Rubbish collection and disposal managed by AMA would have benefitted considerably from opening up to private investors, as I demanded a few weeks before resigning. The transport company ATAC was running losses of €900 million when I was elected in 2013. We started balancing the books, and now it needs to renew its buses and trams and the rolling stock and rails of the A and B metro lines.

Wanted in Rome. In the light of recent events, for example the vandalising of Bernini’s elephant in Piazza della Minerva, what do you think would be the best way to defend and protect the capital’s artistic patrimony?

Ignazio Marino. You can only protect culture by generating culture. Since I opened Augustus’s and Caesar’s Fora to the public, over a million visitors have enjoyed the light-shows that tell the story of Rome in nine different languages, but still fully respecting these unique sites.

Wanted in Rome. Is the Vatican a resource or a burden for the city of Rome?

Ignazio Marino. It’s a resource to be used with reciprocal respect.

Wanted in Rome. In your view, how can these two realities cohabit in the interests of the city?

Ignazio Marino. Through full awareness of their different roles: Rome is the capital of a lay state; the Vatican is the capital of a confessional state and the point of reference for Catholics throughout the world.

Marino's book Un Marziano a Roma recounts his time in office as Rome's first citizen.
Marino's book Un Marziano a Roma recounts his time in office as Rome's first citizen.

Wanted in Rome. How would you assess the management of the constitutional referendum issue by Prime Minister Renzi?

Ignazio Marino. It was a mistake to turn it into a vote on himself. In every country the constitution is the fundamental charter to bring the people together, not an instrument to divide them.

Wanted in Rome. You are a surgeon who was “loaned” to politics. Do you believe more qualified professionals ought to take the field?

Ignazio Marino. I think it’s useful to have qualified professionals decide to spend a period of their life serving their country, and then going back to their calling. Professional politicians are often not free because they have no trade outside politics.

Wanted in Rome. Was it difficult to go back to a normal life after your experience as mayor?

Ignazio Marino. It was wonderful to get back to a normal life and resume the academic work that I love very much.

ITALIAN VERSION                            

Wanted in Rome. Professore, tra le cose fatte o non fatte quando era Sindaco di Roma, di cosa va fiero e su cosa ha rimpianti?

Ignazio Marino. Alcune questioni Roma se le trascina sin dalla liberazione dall’occupazione nazista il 4 giugno 1944. Infatti, sin da allora affrontò il disavanzo con il metodo più facile: contributi dello Stato, creando debiti per i nostri figli e nipoti. Una delle prime scoperte che feci nel 2013 non fu incoraggiante: il Comune di Roma non aveva ancora terminato di pagare i debiti relativi ad alcuni terreni utilizzati per costruire il Villaggio Olimpico per le Olimpiadi del 1960. Dal 1944 al 2008, sessantaquattro anni d’investimenti in case, infrastrutture, opere architettoniche, alcune molto utili altre incompiute, realizzate creando debiti a carico delle future generazioni. E così Roma ha raggiunto, nel 2008, al termine delle amministrazioni guidate da Rutelli e Veltroni, un totale di ventidue miliardi e mezzo di Euro di debiti. Poi, tra il 2008 e il 2013, la giunta guidata da Gianni Alemanno ha aperto tutti i possibili rubinetti della spesa in particolare nelle aziende del Comune dove si è proceduto a nuove assunzioni di impiegati e dirigenti spesso inutili per i servizi erogati. Per questi motivi nel 2013 decisi di scrivere subito al presidente del Consiglio dei ministri, Enrico Letta, e al ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni chiedendo un’ispezione sui conti di Roma. I risultati descrissero un lascito dell’amministrazione Alemanno di pressoché dissesto finanziario. Nell’ambito del percorso del piano di rientro le priorità che individuai furono due: tagliare senza remore sprechi di risorse pubbliche e riconoscere a Roma risorse certe e stabili per le funzioni proprie di una Capitale di una nazione del G7. Riuscii a riportare Roma nella legalità contabile e approvare in Giunta il bilancio di previsione di spesa dell’anno 2015 nell’anno solare 2014. Decisi di ridurre, entro il 2016, la spesa del Comune di quattrocentoquaranta milioni di Euro, eliminando sprechi inaccettabili. Abbiamo abbattuto il costo delle utenze telefoniche, elettriche, idriche, di vigilanza, pulizia, noleggio fotocopiatrici, delle polizze assicurative, dell’acquisto del carburante, degli affitti (oltre cento milioni l’anno) che la città pagava a imprenditori privati, del materiale di consumo per ufficio, ecc. Nei miei 28 mesi di governo abbiamo chiuso la discarica più grande del mondo, consegnato 21 nuove stazioni della metropolitana, messo in vendita immobili e aziende improduttive, finanziato la sostituzione di 192.000 lampadine per l’illuminazione delle strade, avviato il car sharing e l’acquisto di 150 nuovi autobus ma rimpiango di non aver potuto completare il disegno di manutenzione straordinaria delle strade. Per le buche di Roma eravamo pronti, una volta risanati i conti, a investire alcune centinaia di milioni di Euro.

Wanted in Rome.  A posteriori quale crede possa essere considerato, eventualmente, il suo errore più grande?

Ignazio Marino. Il fatto di non essermi curato dei partiti e dei media. Sono un chirurgo specializzato nel trapianto del fegato e ho ragionato come tale. Ho pensato che alla fine della giornata i risultati si sarebbero visti come in sala operatoria. Il tempo che avevo davanti era 5 anni ma sono stato costretto dai giochi di palazzo delle forze politiche di sinistra e di destra a lasciare dopo poco più di 2 anni.

Wanted in Rome. Cosa le piaceva di più dell’essere Sindaco?

Ignazio Marino. Poter migliorare la qualità della vita delle persone: avviare i lavori di una nuova scuola elementare più vicina alle case dei bambini, dare un’abitazione a chi non l’aveva, riconoscere i diritti a chi se li vedeva negati e curare lo straordinario patrimonio archeologico, artistico e culturale della capitale d’Italia, Roma, una città con quasi tremila anni di storia.

Wanted in Rome. A molti residenti italiani e stranieri Roma sembra oggi “abbandonata”. E' colpa della politica oppure governare Roma è un’impresa sovrumana?

Ignazio Marino. E` colpa di chi considera la politica come un esercizio del potere inteso come sostantivo e non come verbo. Il “potere” e non il poter fare, cambiare, migliorare. Roma può essere una delle capitali del mondo con la migliore qualità di vita ma ha bisogno di una classe dirigente adeguata e per classe dirigente intendo la politica ma anche chi fa impresa.

Wanted in Rome. Come giudica la Sindaca Raggi, pensa che si debba darle più tempo?

Ignazio Marino. Non posso dare un giudizio. Non ha ancora avviato, a sei mesi dalle elezioni, il suo lavoro da sindaca.

Wanted in Rome. Come si può affrontare il problema delle “municipalizzate” a cominciare da AMA e ATAC?

Ignazio Marino. La raccolta e lo smaltimento dei rifiuti gestiti da AMA avrebbero avuto un grande beneficio da un’apertura a investitori privati come avevo chiesto poche settimane prima delle mie dimissioni. ATAC, l’azienda dei trasporti, al momento della mia elezione nel 2013 aveva perdite di quasi 900 milioni di Euro. Noi abbiamo avviato il risanamento dei bilanci e adesso bisogna rinnovare autobus, tram, treni e rotaie delle Metro A e B.

Wanted in Rome. Alla luce dei recenti avvenimenti di cronaca (Elefantino del Bernini a Piazza della Minerva), quale ritiene possa essere lo strumento più idoneo a difendere e tutelare il patrimonio artistico della Capitale?

Ignazio Marino. La cultura si protegge solo generando cultura. Da quando aprii a tutti il Foro di Augusto e quello di Cesare oltre un milione di persone ha goduto degli spettacoli che mostrano in 9 lingue diverse la storia di Roma, sempre nel pieno rispetto di quei luoghi unici al mondo.

Wanted in Rome. Il Vaticano è più una risorsa o un peso per la città di Roma?

Ignazio Marino. E` una risorsa da esercitare con rispetto reciproco.

Wanted in Rome. Quale, a suo giudizio, il modo di far convivere queste due realtà nell’interesse della città?

Ignazio Marino. Consapevolezza dei ruoli diversi: Roma è la capitale di uno stato laico, la Città del Vaticano è la capitale di uno stato confessionale e il punto di riferimento del cattolicesimo nel mondo.

Wanted in Rome. Come, a suo giudizio, è stato gestito il referendum costituzionale da parte del Primo ministro Renzi?

Ignazio Marino. E` stato un errore chiedere un plebiscito sulla propria persona. La Costituzione in ogni Paese è la Carta fondamentale che unisce i cittadini, non uno strumento per dividerli.

Wanted in Rome. Lei è un chirurgo prestato alla politica. Pensa che un maggior numero di professionisti qualificati dovrebbe “scendere in campo”?

Ignazio Marino. Penso che sia utile avere professionisti qualificati che per un periodo della propria vita decidano di servire il proprio Paese, ritornando poi alle proprie professioni. I politici di professione spesso non sono liberi perché non hanno un mestiere al di fuori della politica.

Wanted in Rome. È stato difficile tornare alla vita normale dopo l’esperienza di Sindaco?

Ignazio Marino. E` stato molto bello ritornare alla vita normale e anche riprendere il mio lavoro accademico che amo moltissimo.